Passa ai contenuti principali

L'Architetto del Vino

Un nuovo servizio si offre alle sempre più pressanti esigenze dei nostri Clienti: la progettazione architettonica e realizzazione di Cantine, la realizzazione di stand fieristici e la progettazione d’interni.
In molti ci chiedono se conosciamo un architetto affidabile e capace a cui domandare di realizzare su carta il proprio sogno, quello di tutta una vita, costruire o rimodernare la propria Cantina.
L’Architetto Fabio Nassuato è un uomo attento, accorto e, lo si vede subito, energico e reattivo. Lui non sta mai fermo, le sue idee sono in continuo fermento e freme dalla voglia di anticipartele. Anche i suoi lavori mostrano una profonda conoscenza della “materia” mista ad un crescente entusiasmo che non si smorza nemmeno davanti ai più ardui ostacoli. L’abbiamo visto all’opera: per lui sono fondamentali il recupero, l’ecosostenibilità e la flessibilità degli ambienti. Lo studio preliminare non riguarda solo il territorio in cui si innesta la nuova struttura, il paesaggio, ma guarda nel profondo l’animo dei committenti, ne studia la storia di lavoro e di vita e guarda alla brand identity e di come questa si mostra al mercato. Spesso le esigenze dei nostri mastri di Cantina mal si sposano con le esigenze di marketing e di immagine: bisogna mediare e trovare i giusti spazi di lavoro, di affinamento e di ricezione dove accogliere il pubblico in visita. L’intero edificio deve riportare lo stesso messaggio d’immagine, che non sia frammentato. Un sottile filo conduttore, infatti, deve permeare ogni ambiente; ad ogni angolo si deve leggere una piccola storia fatta di scelte tra architetto e committente, fatta di strutture preesistenti da conservare, fatta da scorci che non si possono precludere.
Il vino richiede continua cura e attenzione, Fabio Nassuato è, a tutti gli effetti, l’Architetto del Vino.

Post popolari in questo blog

"Prospettiva 1" di Martino Zanetti secondo lo Studio Francescon & Collodi

Quando l’aria di rinnovamento si respira a pieni polmoni, quando la creatività è vibrante tra le nostre mura e quando il Cliente si mostra aperto all’innovazione ed ad infrangere determinate regole io, proprio io, mi sento finalmente LIBERA.

L’entusiamo creativo poi diventa virale e tutto lo studio Francescon & Collodi si fa partecipe di questa nuova immagine, di questo piccolo stupor mundi che si accoccola attorno al nuovo vetro e ridisegna l’intero packaging fino ad arrivare a spiegarsi su tutta l’immagine aziendale.

Stiamo parlando, perché si sa, il commercio è innanzitutto una conversazione, di Col Sandago: la perla vitivinicola voluta e creata da Martino Zanetti.
Proprio “Prospettiva 1” di Martino Zanetti, pittore, ma anche noto imprenditore che cura con altrettanta passione la sua Hausbrandt di Trieste e il birrificio Theresianer, si dipana come un gomitolo policromo a formare il filo conduttore della nuova comunicazione per immagini e sensazioni.

Prosecco vuol dire volute …

WINE DESIGN, il design del vino

Come si realizza un’etichetta di vino.

Quando parlano le immagini queste devono saperlo fare: il primo approccio del vino é spiegarsi tramite la sua etichetta.
Durante le convivialitá, i brindisi, i passaparola, come si può non parlare di un vino e attorno a quello stesso vino?
Il design del vino non puó rimanere sterile e autoreferenziale; deve essere evocativo e d’impatto. Un design accurato non deve mai prescindere il prodotto.
Lo studio che precede la realizzazione di un’etichetta si articola su più piani e ne approfondisce ogni aspetto: la Cantina, il suo enologo, la filosofia aziendale, il terroir, la tipologia di vino, il suo target di riferimento.
Capita spesso che arrivi in studio da noi a Conegliano un vino giá vestito che risente dell’abbandono da parte del suo storico mercato che si mostra vecchio ancor prima di venir stappato. Che fare?



Distruggere tutto il suo background o conservarne la storicità?

Dipende.
Il sistema detto spannometrico per decidere quale il wine design vincent…